NEWS

NEWS

Una selezione di links, documenti e riferimenti a BMS, inclusi:

  • PUBBLICAZIONI su riviste e monografie
  • NEWS e articoli dal web
  • CONFERENZE e WORKSHOPS
  • CONTESTS e gare

    Casa Cipriani apre a Milano

    In ARTICOLI, NEWS INTERNE il

    Da abitazione signorile all’inizio del secolo XIX a company building ed atelier del famoso sarto Gianni Campagna all’inizio del nuovo millennio, Palazzo Bernasconi è uno splendido esempio di edificio di rappresentanza nel cuore di Milano, 5000 metri quadri di ambienti di pregio scelti da Casa Cipriani per ospitare la sua nuova prestigiosa ed esclusiva sede milanese, inaugurata il 21 settembre con un soft opening in preparazione all’apertura ufficiale il primo di ottobre.

    Nella migliore tradizione meneghina, l’edificio e l’intensivo progetto di ristrutturazione realizzato da BMS Progetti si svelano e si scoprono soprattutto una volta varcata la soglia di ingresso: in accordo con i criteri di conservazione ed inserimento nel contesto centrale e storico della città, è stato restaurato e valorizzato l’involucro esterno verso i giardini pubblici Indro Montanelli e corso Venezia, e gli interventi principali hanno interessato in particolare la facciata interna con un nuovo elemento architettonico essenziale e contemporaneo in vetro ed alluminio dorato, che ha notevolmente migliorato la flessibilità dei layout dei vari piani, e le coperture con unitarietà di linguaggio con i materiali e le volumetrie esistenti, per esaltare l’eccellente posizione panoramica nel centro della città e liberare gli storici tetti in rame da macchinari e superfetazioni.

    L’ambizioso ed esigente lavoro di progettazione integrata, condotto dalla fase di due diligence fino al commissioning, che ha coinvolto più di 15 progettisti e tecnici e ha comportato più di 25.000 ore di lavoro nell’arco di 4 anni, è stato realizzato in coordinamento con numerosi altri specialisti e consulenti. I layout interni sono stati ottimizzati per il nuovo utilizzo alberghiero ed affinati dal progetto di interior design dello Studio Michele Bönan che ha curato le suites, il ristorante, la hall ed il bar Arrigo, e dal progetto di Carlos Almada per il club al quarto piano, con consulenza dello Studio Voltaire per il lighting design e dello Studio Montanari per il food & beverage. Particolare attenzione è stata rivolta all’inclusione di nuovi sistemi di risalita per migliorare la fruibilità dei locali da parte di clientela e personale di servizio.

    L’obiettivo di raggiungere un risultato di eccellenza e prestigio non ha riguardato solo volumi e superfici ma ha coinvolto l’intero assetto dell’edificio, sia per le prestazioni energetiche, con macchinari ad elevata tecnologia per importanti fabbisogni impiantistici richiesti e totale coibentazione dell’involucro storico, che per gli altissimi standard di comfort ambientale ed acustico, ottenuti grazie al progetto di Viva Consulting, soprattutto per l’isolamento dell’area SPA interrata dalla vicina linea metropolitana. L’area SPA e benessere è stata progettata dallo Studio Apostoli, e include una grotta salina i cui macchinari sono stati collocati al nuovo piano interrato realizzato sotto le fondazioni esistenti.

    BMS Progetti ha lavorato in forte sinergia con la proprietà, Merope Asset Management, per impostare il progetto, e con il tenant, Cipriani Milano, per svilupparlo e calibrarlo in modo da rispondere al meglio alle loro richieste. Casa Cipriani trova quindi spazio in un palazzo storico ed al contempo moderno ed efficiente, realizzato con un progetto ambizioso che mira ai più alti risultati possibili in termini di estetica, prestazioni e comfort, tutto per soddisfare le esigenze di un’attività alberghiera molto esclusiva. Sono risultati ottenuti grazie alla cura, l’attenzione ed il rispetto che l’edificio esistente meritava, avendo impostato un registro discreto, misurato, raffinato.

  • Lo studio e il pensiero – intervista con Rudy Cremonini

    In CONVEGNI, NEWS INTERNE il

    BMS Progetti espone per la prima volta presso i propri spazi, e sino a primavera 2022, le opere pittoriche di un giovane ed affermato Artista italiano, Rudy Cremonini.

    Il fortunato incontro con Cremonini nasce dallo stupore di come il suo processo creativo ed il nostro provengano da un comune “intuitivo” primigenio per poi realizzarsi in ogni opera che si trasforma via via in un pensiero compiuto ed infine in un “manufatto” reale autonomamente godibile, concreto e che può essere felicemente vissuto da coloro che ne saranno i destinatari.

    Proprio come avviene per l’Artista la nostra attività si sviluppa lungo un percorso che, dalla concezione di un’idea primaria originata per felice gemmazione, concretizza poi, modifica, evolve ed infine perfeziona ‘oggetto passando dallo stadio puramente concettuale a quello realizzativo attraverso un lavoro che è costantemente definito e popolato da pensieri, limiti e spazi.

    L’aspirazione di Cremonini e di BMS Progetti infatti è sempre quella che nel manufatto compiuto, sia esso artistico o architettonico-ingegneristico, si conservi il nucleo di quelle che sono state le rispettive intuizioni con l’obiettivo ed il desiderio che tali intuizioni siano così autentiche e profonde (proprio perchè derivanti da un lungo studio e da un altrettanto accurato processo di sviluppo) tali da suscitare continua emozione e gioia in tutti coloro che ne saranno i fruitori.

    BMSLAB ha concepito Il progetto espositivo con il supporto di Maria Chiara Valacchi, curatrice indipendente, fondatrice di Cabinet and Paint.

    BMSLAB è l’ambito trasversale di BMS Progetti per conferire valore aggiunto ai progetti attraverso attività che: stimolano nuove idee; favoriscono punti di contatto; propongono occasioni di approfondimento su aspetti di compatibilità ed integrazione dei progetti. BMSLAB, attraverso una piattaforma d’innovazione permanente, trasversale e sinergica, promuove logiche di sostenibilità, open innovation e contributi culturali volti al miglioramento del nostro approccio progettuale.

  • La percezione dello spazio – intervista a Luciano Galimberti

    In CONVEGNI, NEWS INTERNE il

    Luciano Galimberti, Presidente dell’ADI – Associazione del Disegno industriale e responsabile del Museo del Compasso d’oro di Milano, è intervenuto nell’iniziativa di BMS “La percezione dello Spazio” centrata sull’esposizione di opere di W. Niedermayr sull’Iran e su alcuni progetti di SANAA.

    L’intervista a Luciano Galimberti ha chiuso un ciclo di incontri, curati da Claudio Composti, in cui si è sviluppato un articolato dialogo a più voci su arte, design contemporaneo, sostenibilità e responsabilità sociale mettendo al centro del dialogo la relazione tra etica ed estetica, fino ad arrivare all’innovativo concetto di Design Thinking.

    Le opere di W. Niedermayr si sposteranno ora a Torino al Centro Italiano per la Fotografia CAMERA. La mostra è stata organizzata tra CAMERA e Intesa Sanpaolo – Socio Fondatore e Partner Istituzionale di CAMERA in collaborazione anche con la galleria Ncontemporary e curata da Walter Guadagnini con la collaborazione di Claudio Composti e Giangavino Pazzola.

     

    BMS LAB ha concepito il progetto espositivo con il supporto della galleria Ncontemporary (Milano | Londra) e del curatore Claudio Composti.

     

    Per informazioni e visite:

    bmsprogetti@bmsprogetti.it
    info@ncontemporary.com

  • Planning together

    In NEWS INTERNE il

    Uno sguardo sulla cultura del progetto partendo dai dati e dalle ricerche, letti e raccontati sotto la lente di BMS Progetti e RECCHIENGINEERING.


    PlanningTogether è il nostro nuovo progetto editoriale.


    Riflessioni e approfondimenti su temi di attualità, dall’innovazione alla digitalizzazione, dalla tecnologia all’architettura.
    Un osservatorio privilegiato per la transizione del settore delle costruzioni.

  • La percezione dello spazio – intervista a Silvia Rovere

    In CONVEGNI, NEWS INTERNE il

    Prendendo spunto dall’iniziativa di BMS “La percezione dello Spazio” nella sede di Piazza SS. Trinità, 6 a Milano dove sono esposte le opere di Walter Niedermayr, Claudio Composti ha intervistato il presidente di Assoimmobiliare Silvia Rovere.

    La rigenerazione urbana, lo sviluppo sostenibile delle città, gli investimenti ESG e l’integrazione rappresentano la chiave di volta tra edilizia del passato e del presente: questi alcuni dei temi che sono stati affrontati durante l’interessante incontro.

    Da oltre vent’anni di esperienza nel private equity e nella finanza immobiliare, Silvia Rovere ha contribuito allo sviluppo della finanza socialmente responsabile, avendo anche costituito e gestito due dei primi fondi di social housing in Italia.

     

    BMS LAB ha concepito il progetto espositivo con il supporto della galleria Ncontemporary (Milano | Londra) e del curatore Claudio Composti.

     

    Per informazioni e visite:

    bmsprogetti@bmsprogetti.it
    info@ncontemporary.com