Residenze in via Palermo

ANNO 2015
CLIENTE Grassi & Crespi S.r.l.
VALORE € 5,5 mln
ATTIVITA’ Project & construction management. Progetto strutturale delle opere speciali di fondazione, progetto architettonico ed impiantistico. Direzione Lavori. Prevenzione incendi. Coordinamento per la sicurezza.
LOCATION Milan – Italy
CREDITS Architectural design: Carlo Donati Studio

Categories:

L’intervento nasce da un’iniziativa immobiliare di P19 S.r.l, che ha affidato il concept design e la Direzione Artistica di questo complesso immobiliare a “Carlo Donati Studio”; BMS ha sviluppato in questi anni il progetto esecutivo strutturale delle fasi di scavo con la tecnologia del top-down e delle opere provvisionali necessarie alla realizzazione di due nuovi piani interrati, il progetto esecutivo architettonico, il progetto esecutivo degli impianti e il coordinamento tra le varie discipline. Recentemente è stata affidata a BMS anche la Direzione Lavori, il supporto tecnico al cantiere e il progetto di prevenzione incendi.

L’edificio, che si trova in un’area centralissima, riservata e silenziosa della città, nel cuore di Brera, sorge su un lotto dalla geometria piuttosto complicata, dove nel recente passato vi erano solo sterpaglie e disuso. La riqualificazione in atto sta facendo risplendere un complesso immobiliare di sei piani fuori terra e due interrati nel corpo principale, oltre a due piani destinati ad uffici nel corpo basso che si sviluppa su Vicolo Palermo, per un totale di circa 1500 mq di SLP.

Nel corpo residenziale troveranno posto 9 appartamenti di lusso con ampie vetrate che garantiscono delle viste privilegiate direttamente sulla Madonnina e sul nuovo quartiere di Porta Nuova, un giardino interno, spazi condominiali caratterizzati dai più alti standard qualitativi e da finiture di pregio, una palestra condominiale, un locale bici, un ufficio oltre a cantine, posti auto di pertinenza e tutti i locali tecnici e di servizio necessari.

La riqualificazione dell’area passa attraverso un’accurata scelta di materiali e colori che si integrino con il linguaggio della Milano storica e una particolare attenzione per il verde, che diventa elemento significativo e caratterizzante dell’intervento. Non ultima la facciata del corpo basso con le sue lame di vetro colorate che vogliono rappresentare un “bosco autunnale” in continuo dialogo con il giardino della scuola esistente.

Il progetto strutturale delle fasi di scavo ha comportato l’utilizzo della tecnica, non usuale, del “top down”. Lo scavo per realizzare i piani interrati (autorimesse cantine e locali tecnici) è stato eseguito sull’intero lotto, fino al confine con gli edifici adiacenti. La tecnica consiste nella realizzazione parziale, su terra, degli impalcati di piano, con opportuni passaggi per lo scavo successivo ai livelli sottostanti. Il contrasto alle opere di sostegno perimetrali è fornito dalle solette stesse, senza necessità di realizzare tiranti provvisionali sotto gli edifici confinanti.

I criteri posti alla base della progettazione degli impianti meccanici si possono così riassumere: ridotti consumi energetici, elevato livello di affidabilità, ridotti oneri di manutenzione, elevato grado di funzionalità e di comfort per gli utenti, elevata qualità dell’aria, ecosostenibilità. E’ previsto un impianto di climatizzazione invernale, climatizzazione estiva e di ventilazione meccanica per il rinnovo dell’aria primaria.

L’impianto di climatizzazione è essenzialmente composto da:

  • Pompe di calore geotermiche ad acqua di falda per la produzione dell’acqua tecnica calda/fredda per la climatizzazione degli ambienti interni e per la produzione di acqua calda sanitaria
  • Impianto a pannelli radianti a pavimento per il riscaldamento invernale e a fancoil per il raffrescamento estivo
  • Impianto centralizzato per la ventilazione meccanica composto da un recuperatore di calore ad altissima efficienza energetica e da una sezione di filtrazione dell’aria esterna
  • Impianto domotico per la gestione e il controllo degli impianti elettrici e meccanici di ogni singolo appartamento.